Successioni, pianificazione patrimoniale e successoria

Nell’oggi cammina già il domani.
                     (Samuel Taylor Coleridge)

Per quanto contraddittorio possa apparire, fare testamento (olografo o in forma pubblica) significa guardare al futuro, pensare ai nostri cari o a chi ha bisogno di noi e sistemare il proprio patrimonio perché non sorgano motivi di litigio in futuro o per equilibrare i rapporti economici tra i propri successori.

Pianificare la propria successione è un comportamento assolutamente responsabile nonché avveduto: un'assistenza notarile sul punto consente evidentemente di minimizzare il rischio di contrasti e costose discussioni in sede di eventuale divisione giudiziale e di gestire il profilo fiscale in maniera efficiente a beneficio dei propri eredi.

Pianificare il proprio patrimonio è altrettanto rilevante: quante volte le imprese vengono messe alla prova di fronte all'ineluttabile passaggio generazionale? e quante volte le stesse non sono in grado di superare questa prova perché il passaggio di consegne non governato avviene a favore di persone con altre inclinazioni, senza capacità di leadership, senza il necessario know how o semplicemente a favore di troppe persone trasformando i consigli di amministrazione in ring da combattimento.

Del resto anche una riorganizzazione del proprio patrimonio a seconda dei casi con una donazione o una divisione può essere utile per ottimizzare il carico fiscale.

Pensare al domani significa, infine, pensare al dopo di noi e occuparsi dei più deboli o di chi difficilmente potrà fare a meno del nostro sostegno perché non del tutto autosufficiente.

Le esigenze sono tante e diverse così come gli strumenti apprestati dal legislatore per porvi rimedio: dal testamento solidale alla donazione, dal vincolo di destinazione alla possibilità di ricorrere al trust, senza dimenticare il contratto di affidamento fiduciario, il patto di famiglia; sapremo consigliare certamente quello che risponde meglio al caso concreto.

Da ultimo: successione, legittima o testamentaria che sia, significa anche lungaggini burocratiche e adempimenti fiscali, esattamente quello di cui si farebbe a meno in un momento spesso difficile e delicato da superare.

Lo studio si occupa per questo di tutte le pratiche connesse quali la pubblicazione o la registrazione di testamenti, le rinunce di eredità, le accettazioni anche con beneficio di inventario, le dichiarazioni di conseguimento di legato o le rinunce al medesimo, il certificato successorio europeo e la predisposizione e presentazione ai competenti uffici della dichiarazione di successione.